Hakuna Patata e Babbo Matatale

Bia ha due anni e mezzo e parla. Certo, niente di strano in questo. Quello che mi chiedo in continuazione è: chi glielo ha insegnato?

Imparare a parlare è chiaramente un’operazione di imitazione, ma quello che mi fa sorridere con Bia (e che immagino sia tipico di ogni bambino che nasce come secondo, terzo o quarto che sia), è che lei imita suo fratello. Non ci sono stati quei momenti in cui il papai o io ci siamo messi con lei a spiegarle come funziona una determinata cosa e come si definisce. No, lei lo sa e punto. Perché lei il suo insegnante già ce l’ha, ed é suo fratello.IMG_1201

Come in ogni processo di apprendimento, le cose acquisite diventano il mattoncino che fa da appoggio per imparare qualcosa di nuovo. Sono le certezze che ti aiutano a guardare al passo successivo. Ed è così che, avendo la certezza della parola patata, Pumba e Timon non possono che dire “Hakuna Patata”.

Chissà perché però, quell’anziano barbuto di rosso vestito che si aggira di notte a portare doni per lei è “Babbo MATAtale”. Che dire, a questo punto: “senza pensieri, la tua vita sarà “Hakuna Matata(le)”! Auguri a tutti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...